26 Dicembre 2015 Leggi di più →

SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO – LE RISPOSTE AI QUESITI PIU’ FREQUENTI – RISERVATO AGLI ISCRITTI DELL’ORDINE DI LATINA – VERSIONE AGGIORNATA

LINEE GUIDA E FAQ

LEGGI LA NUOVA VERSIONE DEL 3 MARZO 2016

che contiene informazioni sulla data di scadenza della registrazioni dei documenti fiscali emessi e incassati nel 2016

TS-REV13_aggiornato_03_03_2016

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: News, Sistema TS - 730 precompilato
26.365 visualizzazioni

15 Commenti su "SISTEMA TESSERA SANITARIA 730 PRECOMPILATO – LE RISPOSTE AI QUESITI PIU’ FREQUENTI – RISERVATO AGLI ISCRITTI DELL’ORDINE DI LATINA – VERSIONE AGGIORNATA"

Trackback | Comments RSS Feed

  1. DOTT. CORPOLONGO VINCENZO ha detto:

    In merito alle fatture con IVA non è vero che 7non sono prestazioni sanitarie in senso stretto, perchè ci sono le fatture rilasciate dai medici di famiglia , riguardanti i certificati per la domanda di invalidità INPS, che sono con IVA E SONO DA RITENERE PRESTAZIONI SANITARIE.

  2. Giovanni Maria Righetti ha detto:

    Ringrazio il presidente Righetti ed il collega Papa per l’utilissimo tutorial. In pochi minuti e da casa ho effettuato l’accreditamento al STS. Ringrazio inoltre per i continui aggiornamenti.
    Osvaldo Santoro

  3. Lucio Uccellini ha detto:

    Ieri sera ad una riunione dell’AIO di Roma il collega Stefano Colasanto ha detto che l’ordine dei medici pur essendo più piccolo di quello di Roma , ha fatto un bel lavoro per spiegare il STS .

  4. Giovanni Papa ha detto:

    In merito alla questione sigle. Le uniche sigle ammesse per i dentisti sono la AA e la SR. La telefonista del numero verde da me consultata afferma che se la fattura riguarda solo la visita specialistica o rx si inserisce la sigla SR. Tutto il resto va siglato con AA. La ditta CAES invece afferma che tutte le fatture odontoiatriche devono riportare la sigla SR ovvero (spese prestazioni assistenza specialistica ambulatoriale, visita specialistica o prestazioni diagnostiche e strumentali). Il mio consiglio è quello di siglare il tutto con SR. Tuttavia a mia specifica domanda la operatrice del numero verde non riteneva poi così importante la sigla.

  5. Giovanni Papa ha detto:

    Vorrei inoltre ricordare di affiggere in sala d’attesa l’avviso ai pazienti che, nel caso per il 2016 rifiutino la trasmissione dei loro dati, così come ben descritto nel sito ANDI, è necessario che firmino una liberatoria da conservare a studio.
    Infine ricordo che dal 2016 è necessario inviare le fatture mensilmente, il che significa che appena finito di inviare le fatture 2015, dobbiamo inviare le fatture del mese di gennaio 2016. I vari gestionali comunque consentono l’invio in tempo reale della fattura appena emessa. Consiglio: dal momento che bisogna comunicare sia la data del pagamento che della fattura, è bene fare sempre una copia dell’assegno prima di versarlo, e allegarlo alla fattura così ne avete memoria. Per gli scontrini da carte di credito, bancomat ecc, controllate la data di emissione. Se avete un gestionale controllate di aver inserito la data dell’assegno, dello scontrino, o del bonifico giuste, se ci sono incongruenze, prima di inviare il tutto al sistema TS modificate sul gestionale le date giuste del pagamento. (il gestionale inserisce due date: la data di fattura e la data di pagamento che per default sono le stesse, ma non è sempre così, potreste aver fatto la fattura qualche tempo prima o dopo il pagamento ad esempio, .Prima di inviare i dati nella loro globalità tramite il software, modificate le date in modo che possano corrispondere al cartaceo tracciabile).Nel caso fate tutto manualmente è più facile anche se si perde più tempo.

  6. Giovanni Papa ha detto:

    Da Odontoiatria 33 aproposito della sigla e data emisione faftura e data pagamento.
    Il Sistema Tessera Sanitaria, attraverso il quale il dentista è tenuto a trasmettere i dati delle spese sanitarie sostenute dai propri pazienti nel 2015, non riconosce la PEC del consulente operante in uno studio associato in quanto non presente nel sistema INI PEC e non consentiva l’attivazione della delega.
    Da domani sabato 16 Gennaio sarà possibile delegare anche questi consulenti che nonostante siano abilitati ad accedere al sistema Entratel non dispongono di una PEC contenuta nell’archivio INI PEC.
    A darne comunicazione è il STS attraverso il proprio sito internet evidenziando che “è stata apportata una specifica funzionalità al Sistema TS che consente tale possibilità ai fini dell’invio dei dati relativi all’anno 2015”, anche per questi soggetti.
    Quali sono i dati da inviare per ogni fattura?
    a) Codice fiscale del contribuente cui si riferisce la spesa o il rimborso;
    b) Codice fiscale, partita IVA, e cognome e nome del dentista o denominazione del soggetto di cui all’articolo 3, comma 3, del Decreto Legislativo n. 175 del 2014 (ovvero del dentista o della struttura sanitaria tenuta alla trasmissione dei dati);
    c) Data del documento fiscale che attesta la spesa e data del pagamento;
    d) Tipologia della spesa (per le normali prestazioni odontoiatriche il codice da indicare è SR);
    e) Importo della spesa o del rimborso;
    f) Data del rimborso.
    In caso di fattura rimborsata da un fondo o un’assicurazione come mi devo comportare?
    Si deve indicare l’importo della fattura anche se questo è rimborsata in toto o in parte al paziente o al professionista dal Fondo o Assicurazione. Sarà poi lo stesso Fondo o Assicurazione a comunicare alle Entrate la parte rimborsata.
    Se la fattura della prestazione è stata pagata, e quindi intestata, ad un soggetto diverso dall’assistito come mi devo comportare?
    Si deve comunque indicare il codice fiscale ed i dati del soggetto a cui è intestata la fattura.
    Per la fattura si deve indicare la data di emissione o del saldo?
    Si deve indicare la data in cui è stato registrato il saldo. Quindi, nel caso di una fattura emessa nel 2014 ma saldata nel 2015, questa andrà trasmessa come insieme a quelle incassate nel 2015.
    Ho emesso più di 500 fatture nel 2015 e non riesco a registrarle tutte entro il 31 gennaio 2016. Come posso fare?
    Se dispone di un software gestionale contatti il produttore che probabilmente avrà implementato il sistema con possibilità di inviare i dati delle fatture emesse ed archiviate.
    La FIMMG consiglia, almeno per le fatture incassate nel 2015, di delegare l’invio al proprio commercialista visto che avrebbe già dovuto registrare i dati delle fatture che avete emesso e gli avete consegnato e, tramite il loro software, potrà agevolmente inviare i dati in modalità asicrono (in un unico file), come previsto dalla normativa.
    Se delego un professionista per l’invio chi è responsabile e chi pagherà eventuali sanzioni?
    Anche in caso di delega la responsabilità è del dentista che è tenuto all’invio. Il consiglio della FIMMG è quello di verificare l’esito dell’invio attraverso la propria area riservata nel STS o richiedendo la ricevuta in formato .pdf al soggetto delegato alla trasmissione dei dati.
    In merito alle possibili sanzioni si ricorda che eventuali errori vengono segnalati al dentista tenuto ad inviare i dati (sempre nell’area riservata del STS). Se i dati errati verranno modificati entro 5 giorni non scatterà nessuna sanzione.

  7. Studio odontoiatrico srl ha detto:

    Buon giorno vorrei sapere se uno studio odontoiatrico srl con direttore medico deve inviare le fatture con il sistema ts? Se si ho un altro quesito in direttore medico è cambiato quindi invia quello nella in carica attualmente o quello che c era per l anno 2015?
    Se invece non siamo soggetti ad invio mi sapreste dire la normativa da poter scaricare, grazie

  8. Osvaldo Santoro ha detto:

    Desidero portre in evidenza alcune gravi mancanze che ho riscontrato sul STS.
    – la mancanza di un manuale per il puntuale utilizzo del programma, in violazione a quanto prescritto dalle norme comunitarie
    – l’impossibilità’ di stampare in formato pdf quanto è’ stato inviato, compreso l’importo della prestazione, da utilizzare sia per un controllo preventivo che in caso di contenzioso. La ricevuta che viene rilasciata per il singolo protocollo non riporta tutti i dati, e può essere scaricata solo con apposito programma a spese del contribuente (web service). Il tutto viola quanto previsto dallo statuto del contribuente.
    – l’impossibilita’ in caso di non accettazione del codice fiscale (verificato) di poter inserire comunque il codice in nostro possesso.

  9. gianluca wembagher ha detto:

    Le fatture emesse nei confronti di un cittadino con cf e cittadinanza estera ma residente in italia vanno inserite?

    • Giovanni Maria Righetti ha detto:

      Ho dei pazienti residenti all’Estero. Devo inviare le loro fatture?
      Vanno inviate solo le fatture dei pazienti che hanno una posizione fiscale in Italia (compilano la dichiarazione dei redditi).

      cordiali saluti
      il presidente giovanni maria righetti

  10. Michele Facchini ha detto:

    Ringraziandovi del preziosissimo lavoro fatto nell’aggiornare una guida utilissima volevo chiedere un chiarimento. Nell’ultimo aggiornamento è riportato come scadenza per l’invio dati del 2016 la data del 31/7/2016 per il 1° semestre e 31/12/2016 per il 2° semestre. Ritengo che questa seconda scadenza sia forse errata in quanto semmai sarebbe il 31/1/2017 e comunque dove sono indicati tali scadenze ??? Grazie

    • Giovanni Maria Righetti ha detto:

      Ha ragione.
      Ho cercato di riscrivere il quesito con alcune risposte fornite da varie istituzioni, risposte non sempre coincidenti. La nuova versione è inclusa nella REV13 del 06/03/2016 che qui anticipo.
      Nel ringraziarla invio distinti saluti. Il Presidente Giovanni Maria Righett

      Quando devo registrare nel Sistema TS il documento fiscale (es. fattura) emesso e incassato dal 1° gennaio 2006 al 31 dicembre 2016 ai fini del 730 precompilato 2016 ?

      Agenzia Entrate
      Modifiche al provvedimento del 31 luglio 2015 in materia di modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata (PROT. 14464 /2016 – 26 gennaio 2016)
      “Con il decreto 31 luglio 2015 del Ministero dell’Economia e delle Finanze sono state definite le specifiche tecniche e le modalità operative relative alla trasmissione telematica delle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria, da rendere disponibili all’Agenzia delle entrate per la dichiarazione dei redditi precompilata. Il medesimo decreto ha previsto che la trasmissione dei predetti dati debba essere effettuata entro e non oltre il mese di gennaio dell’anno successivo a quello della spesa effettuata dall’assistito.”
      DA ANDI (14/01/2016)
      Fatture 2016
      D: I dati relativi alle fatture 2016 quando vanno inviati?
      R: I dati delle fatture 2016, possono essere inviati singolarmente attraverso il sito Tessera sanitaria ad ogni emissione fattura, oppure comunque entro gennaio 2017.
      DA FIMMG (14/01/2016)
      Tempistica dell’invio

      •“sincrono”: trasmissione del singolo documento fiscale con le relative voci di spesa all’atto dell’emissione di ogni singola fattura
      (ogni invocazione del servizio invia un singolo documento fiscale)

      •“asincrono”: trasmissione di un file contenente un insieme di documenti fiscali con le relative voci di spesa.

      In tal caso i termini per la trasmissione sono :
      •31 Luglio 2016 (dati relativi al 1°semestre 2016)
      •31 Gennaio 2017 ( dati relativi 2°semestre 2016)

      DA ORDINE MEDICI BAT (BARLETTA – ANDRIA – TRANI)
      D:So che debbo inviare i dati di tutte le fatture emesse nell’anno 2015 entro il 31 gennaio 2016, ma per le ricevute rilasciate da gennaio 2016 cosa succede? Debbo inviare a Sistema TS i dati delle ricevute lo stesso giorno della emissione?
      R: Dal 1 gennaio 2016 i dati delle ricevute o fatture emesse vanno inviati entro il giorno 10 del mese successivo; per eventuali variazioni (riguardo la data di emissione della fattura o il codice fiscale dell’assistito) si hanno altri 7 giorni di tempo; in ogni caso su Sistema TS è pubblicato un calendario relativo alle scadenze degli invii.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *