9 Ottobre 2019 Leggi di più →

Progetto “Biologia con curvatura biomedica” – A Latina il record nazionale: ben 4 Istituti ! – A fare il medico si impara già sui banchi di scuola: 90 Ordini, 135 scuole e 12000 studenti coinvolti per il nuovo anno scolastico.

ECCO I NOSTRI 4 ISTITUTI

Liceo classico statale “Dante Alighieri” di Latina , già al 2° anno

Liceo scientifico  statale “Ettore Maiorana” di Latina, già al 2° anno

“Campus dei Licei Massimiliano Ramadù”  di Cisterna  di Latina, al 1° anno

Liceo scientifico statale  “Leon Battista Alberti” di Minturno, al 1° anno

Al MIUR due incontri per avviare il nuovo anno scolastico dei Licei “biomedici”, in quello del 7 ottobre era presente per l’Ordine dei Medici di Latina il Consigliere Fabrizio Zaccheo. l’Istituto scientifico statale “Leon Battista Alberti” di Minturno, nella persona della Prof.ssa Caterina Valerio, ci ha gentilmente inviato alcune foto dell’incontro. Il lavoro di coordinamento delle attività è stato affidato per l’Ordine alla Vicepresidente Rita Salvatori.

Nella foto dalla destra i rappresentanti della FNOMCeO: Pasquale Veneziano,  Roberto Stella, Roberto Monaco

Dodicimila studenti di centotrentacinque licei classici e scientifici, affiancati da novanta Ordini dei Medici sui centosei totali: sono davvero imponenti i numeri raggiunti dal progetto “Biologia con curvatura biomedica”, promosso congiuntamente dal MIUR e dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO) e arrivato ormai al suo terzo anno scolastico di attivazione.

Il percorso di orientamento – che prevede, a partire dal terzo anno di Liceo, l’introduzione nel piano di studi di centocinquanta ore di insegnamenti aggiuntivi tra lezioni frontali tenute dai docenti di biologia, lezioni pratiche con i medici delegati dall’Ordine e visite ad ambulatori, ospedali, laboratori di ricerca, studi specialistici – è nato per accompagnare gli studenti verso le facoltà medico-scientifiche, dando modo di auto-valutare le proprie motivazioni e inclinazioni e aiutando poi a superare il test d’accesso: oltre il 90% degli studenti coinvolti supera infatti la prova.

I dati sono stati presentati il 5 ottobre al MIUR (jl secondo si è svolto il 7 ottobre), alla presenza del dirigente tecnico Massimo Esposito, del dirigente scolastico della scuola capofila di rete, il Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria, Giuseppina Princi, del Segretario della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO),  Roberto Monaco, del Responsabile Area strategica formazione FNOMCeO, Roberto Stella, e di Pasquale Veneziano, presidente dell’Ordine dei Medici di Reggio Calabria che per primo istituì il progetto. Sono intervenuti i dirigenti scolastici e i docenti referenti dei licei selezionati oltre ai Presidenti degli Ordini Provinciali dei Medici coinvolti nel percorso.

 

 “Il senso del progetto è quello di mettere insieme due indicatori fondamentali del grado di civiltà di un Paese: La salute e l’istruzione – ha spiegato il Segretario della FNOMCeO, Roberto Monaco -. Vogliamo costruire un percorso formativo da cui questi ragazzi escano non solo con la preparazione adeguata per poter affrontare il test di Medicina ma soprattutto con la concezione di cosa voglia realmente dire fare il medico”.

Questo è importante per diversi motivi – continua -: innanzitutto per dare un aiuto concreto ai nostri giovani, che saranno i cittadini del futuro, i professionisti del nostro domani. E noi per il nostro futuro vogliamo un Paese pieno di professionisti preparati e che abbiano la percezione di cosa significa fare il medico. Se infatti le competenze si acquisiscono sui libri, poi la professione non si pratica sui libri – e tantomeno sul web – ma sulle persone, con la loro storia, la loro sensibilità, il loro vissuto, la loro famiglia.  Il medico deve poter offrire il massimo della sua professionalità a chi ne ha bisogno nel momento più difficile della sua vita, e questa capacità non si insegna con la teoria ma si trasmette comunicando la passione per questa Professione difficile e bellissima. Attraverso questo percorso, inoltre, i cittadini di domani, anche se alla fine sceglieranno di non fare il medico, avranno comunque imparato cosa significa essere medico, e quindi a rispettare chi svolge questa professione, il che costituisce il miglior deterrente contro quella violenza che oggi esplode contro i professionisti della sanità”. 

Siamo ormai arrivati a oltre 90 ordini, 135 scuole e 12000 studenti coinvolti. Un successo oltre le nostre aspettative che ci riempie di gioia e soddisfazione non solo per i numeri ma per il grande riscontro e per la soddisfazione di studenti, genitori e insegnanti – afferma Roberto Stella, Responsabile Area Formazione FNOMCeO – Siamo sulla strada giusta per scoprire attitudini, motivazioni e passione e orientare ad una scelta professionale consapevole. Una professione complessa, quella del medico, che cerchiamo di mostrare ai giovani studenti facendo crescere anche, con l’aiuto dei docenti, una cultura responsabile della salute”.

È motivo di orgoglio registrare i risultati del percorso, a testimonianza di una sperimentazione che su scala nazionale riesce ad essere sempre più incisiva nella crescita formativa degli studenti orientandoli e potenziandone le competenze in ambito scientifico e sanitario – afferma Giuseppina Princi, Dirigente scolastica del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria, capofila del progetto -. Considerato l’enorme interesse, siamo fiduciosi che a breve venga istituzionalizzato il liceo biomedico e regolamentato l’accesso alle facoltà mediche attraverso una selezione meritocratica che parta proprio dai licei biomedici. A proposito, infatti pochi mesi la nostra proposta è stata presentata alla Camera e al Senato riscuotendo un interesse politico trasversale”.

I numeri del progetto da quanto abbiamo visto  oggi sono diventati importanti, per cui a breve certamente potremo avere un numero di informazioni tale da poter dire se questo metodo di orientamento sia valido e se può essere utile per modificare, unitamente ad altre iniziative, l’accesso alla facoltà di medicina mantenendo il numero chiuso e nello stesso tempo modificandone l’accesso che in atto avviene tramite i test, che certo non sono, a mio giudizio, un ottimale metodo di selezione” conclude Pasquale Veneziano, Presidente OMCeO di Reggio Calabria, Ordine capofila del percorso di biomedicina.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: News
182 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *