19 Dicembre 2007 Leggi di più →

Turco, malattie rare e croniche vera sfida per il Ssn

Il ministro annuncia un disegno di legge Una legge organica che si occupi di malattie rare e croniche.

Questo uno dei punti prioritari dell’attività di Governo del ministro della Salute Livia Turco che, intervenuta ieri mattina a Roma al convegno su ‘Malattie rare e farmaci orfani’ all’Istituto superiore di sanità, ha annunciato la presentazione in Consiglio dei ministri di un disegno di legge.
“Nella scorsa legislatura si era tanto dibattuto su una legge organica che si occupasse di queste materie, io – annuncia Livia Turco – ho indicato questo come punto prioritario dell’attività di Governo.
In questa legislatura presenterò pochi disegni di legge perchè le leggi ci sono, ma sicuramente uno dei provvedimenti che ho intenzione di presentare in Consiglio dei ministri è proprio quello sulle malattie rare.
Abbiamo trovato i soldi nella Finanziaria, presto annunceremo come.
Si dovrà trattare di una legge che affronti in modo coerente i livelli essenziali di assistenza per i malati, l’attività di ricerca e l’assistenza farmacologica ai pazienti e alle loro famiglie.
“Affrontare il nodo delle malattie rare – spiega il ministro – significa chiamare in causa il mondo della ricerca, l’integrazione socio-sanitaria, l’industria e la distribuzione dei farmaci, la costruzione di una rete tra i vari soggetti.
Dobbiamo – invita la Turco – fare un salto di qualità rispetto al passato”.
E per vincere questa sfida non basta rendere il dovuto merito alla comunità scientifica che sta lavorando alacremente sulle malattie rare.
“Bisogna ascoltare le famiglie e le associazioni di malati, che sono portatrici di un sapere che serve sia al mondo scientifico che alla politica”. A famiglie e associazioni di pazienti affetti da malattie rare il ministro esprime “Un grazie sentito, ma anche vicinanza e condivisione.
Perchè queste patologie sono esperienze di solitudine particolarmente dolorose”, conclude.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: News
131 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *