1 Settembre 2018 Leggi di più →

Tetano. Report Ecdc: senza vaccinazioni l’età adulta è a rischio. In Italia primato dei casi nel 2016 (da quotidianosanita.it del 31 agosto 2018)

spacer Casi di tetano per età e sesso

spacer Distribuzione dei casi di tetano
spacer I casi di tetano nell’Ue

L’attuale epidemiologia del tetano nell’Ue / See può essere spiegata da una copertura vaccinale inferiore o dal declino dell’immunità nelle popolazioni più anziane mentre a causa della gravità del tetano è necessario mantenere alti tassi di vaccinazione in tutte le fasce di età e continuare a attuare e sviluppare strategie per proteggere gruppi specifici, in particolare gli anziani, in paesi con tassi più alti di malattia e nel 2016 Italia (in testa), Polonia e Spagna hanno rappresentato il 57% di tutti i casi notificati nell’Ue.

31 AGO – Nel suo ultimo rapporto l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, lancia l’allarme per la riduzione nell’età adulta delle vaccinazioni contro il tetano.

Nel 2016, 89 casi di tetano sono stati segnalati nell’Ue / See.

Il numero di casi segnalati è diminuito dal 2015. Gli adulti di età pari o superiore a 65 anni sono stati  la fascia d’età più colpita. I casi tendevano a verificarsi più frequentemente nei mesi più caldi, che sono associati a livelli più alti di attività all’aperto.

L’attuale epidemiologia del tetano nell’Ue / See può essere spiegata da una copertura vaccinale inferiore o declino dell’immunità nelle popolazioni più anziane mentre a  causa della gravità del tetano, è necessario mantenere alti tassi di vaccinazione in tutte le fasce di età e continuare a attuare e sviluppare strategie per proteggere gruppi specifici, in particolare gli anziani, in paesi con tassi più alti di malattia e nel 2016 Italia (in testa), Polonia e Spagna hanno rappresentato il 57% di tutti i casi notificati nell’Ue.

Il rapporto Ecdc si basa sui dati per il 2016 pubblicati da The European Surveillance System (TESSy) il 7 febbraio 2018. TESSy è un sistema per la raccolta, l’analisi e la diffusione di dati sulle malattie trasmissibili.

La maggior parte degli Stati membri ha riportato dati basati sui casi da sistemi di sorveglianza passiva completi con copertura nazionale. Il tetano non è sotto sorveglianza in Belgio e Finlandia. La Germania non ha mai riferito di tetano, i dati per l’ECDC e l’Austria hanno riportato l’ultimo tetano all’ECDC nel 2011. La Bulgaria ha riportato dati aggregati per il 2016.

Nel 2016, 26 paesi dell’UE / SEE hanno segnalato 89 casi di tetano, di cui 48 (54%) sono stati classificati come confermati. Italia, Polonia e Spagna hanno rappresentato il 57% di tutti i casi notificati. Undici paesi non hanno segnalato casi.

Il tasso di notifica UE / SEE è stato di 0,02 casi per 100.000 abitanti. Il tasso più alto è stato segnalato dalla Slovenia (0,10 casi per 100.000 abitanti).
Tra il 2012 e il 2016, l’Italia ha riportato il 45% (n = 252) di tutti i casi (n = 564) segnalati da 26 Stati membri UE / SEE.

Dei 252 casi segnalati dall’Italia, l’82% si è verificato nella fascia di età 65 anni e oltre.

Nel 2016, le persone con più di 65 anni sono state le più colpite (0,08 casi ogni 100.000 abitanti) e hanno rappresentato per il 71% di tutti i casi segnalati. I casi sono stati segnalati più frequentemente tra i maschi di tutte le fasce d’età sotto i 65 anni. Il rapporto complessivo maschi-femmine era di 0.8: 1. Tra quelli di età ≥65 anni, sono stati segnalati 40 casi tra donne e 23 tra uomini.

Nel 2016, la maggior parte dei casi di tetano è stata segnalata tra giugno e ottobre, con un picco a settembre. Nel 2016 c’è stata una lieve diminuzione del numero di casi rispetto al 2012-2015, quando la maggior parte dei casi è stata segnalata durante l’estate con un picco a luglio. Inoltre, nell’aprile 2016 c’è stato un picco minimo con otto casi segnalati, quattro dei quali dall’Italia.

Degli 85 casi con dati disponibili, 14 (n = 16%) sono stati fatali. I casi mortali avevano tra 10 e 93 anni, con 12 di 14 più di 65 anni. La mortalità per casi nella fascia di età superiore ai 65 anni è stata del 38 per cento.

La mortalità dei casi può variare dal 10% al 70% a seconda del trattamento, dell’età e del generale salute del paziente. Nelle fasce di età più giovani e più anziane e in assenza di terapia intensiva, i casi fatali si avvicinano al 100 per cento.

Nell’UE / SEE, la maggior parte dei casi sono stati segnalati negli anziani, probabilmente correlati alla copertura vaccinale più bassa o all’immunità calante in questa popolazione, con tassi di notifica più elevati osservati nelle donne. È probabile secondo il report Ecdc che le donne con più di 65 anni abbiano avuto meno opportunità di ottenere vaccinai rispetto agli uomini della stessa età che in molti paesi hanno ricevuto il vaccino durante il servizio militare obbligatorio.

I pazienti parzialmente immunizzati possono presentare forme di tetano molto lieve e questo è particolarmente importante considerando il fatto che il tetano è diventato sempre più raro.

Secondo uno studio del Regno Unito, la maggior parte dei casi era associata a lesioni che verificate a casa o in giardino. Gli autori hanno suggerito che questo potrebbe essere dovuto alla mancanza di consapevolezza dell’opinione pubblica sul rischio di contrarre il tetano a seguito di lesioni lievi in assenza di vaccinazioni complete per l’immunizzazione dal tetano.

L’Italia ha rappresentato quasi la metà dei casi segnalati dal 2012 al 2016.

Nell’Ue/ See, la vaccinazione contro il tetano è iniziata come parte del programma di immunizzazione primaria infantile (da 3 a 4 dosi nei primi 2 anni di vita).

Secondo la più recente posizione dell’Oms sui vaccini antitetanici, una serie primaria a tre dosi di richiamo sono raccomandate per fornire una protezione permanente contro il tetano.

A causa della sua gravità secondo l’Ecdc, il tetano rappresenta un rischio per le persone non vaccinate o insufficientemente vaccinate. C’è bisogno di mantenere un’elevata immunità da vaccino in tutte le fasce di età e consapevolezza della potenziale minaccia per la minoranza di non immunizzati. Strategie per proteggere i gruppi specifici, in particolare gli anziani, devono essere considerate nei paesi, come l’Italia, con tassi più alti di malattia.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: News, Vaccini
555 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *