26 Maggio 2020 Leggi di più →

Quanta confusione sul valore Rt e R0. Sono la stessa cosa ma le Regioni vogliono utilizzarne uno anziché l’altro. Gimbe: “Comunque non va utilizzato per valutare aperture o chiusure” – l’interpretazione della R. Lazio

da quotidianosanita.it del 25 maggio

http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=85563

DICHIARAZIONE DELL’ASSESSORE ALLA SANITA’ DELLA REGIONE LAZIO DEL 24 maggio 2020 (da today roma)

Differenza codice R0 ed Rt

in merito ai codici di relazione R0 (numero di riproduzione di base) e RT è opportuno precisare alcuni elementi: R0 indica il numero medio di infezioni secondarie causate da ciascun individuo infetto in una popolazione totalmente suscettibile ovvero che non sia mai venuta in contatto con un determinato patogeno. Nel caso in cui R0 sia pari a 1 significa che un singolo malato potrà infettare una persona, se invece è uguale a 2 ne contagerà due e così via. Il valore R0 si può modificare a seguito di modifiche nei contatti sociali come ad esempio le misure di distanziamento sociale e le misure di isolamento oppure a seguito della riduzione del numero di persone suscettibili. Rt descrive invece il numero medio di infezioni secondarie in un dato momento in una popolazione non totalmente suscettibile e tiene conto anche delle misure di contenimento applicate che modificano i contatti sociali. L’indice è proporzionale al numero di contatti per giorno del caso primario (più persone incontra, più persone si infettano), alla durata della sua fase di contagiosità, alla probabilità di trasmissione dell’infezione per singolo contatto che è condizionata anche dal numero di persone suscettibili. Quando l’incidenza è bassa, piccole variazioni nel numero di casi possono risultare in rilevanti variazioni di R(t) e grande incertezza statistica.

 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: COVID, News
222 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *