1 Settembre 2013 Leggi di più →

Precari nella sanità: la ASL di Latina in testa nella regione Lazio con ben 524 precari, di cui 215 medici, su un totale regionale di 2.615 unità.



REGIONE LAZIO
COMUNICATO STAMPA DEL 27 AGOSTO 2013

“Il decreto sui precari della Pubblica amministrazione è un segnale importante che va nella giusta direzione.
Ora è necessario affrontare anche la questione dei precari della sanità.
Bene il Ministro Lorenzin che si è impegnata a presentare un decreto ad hoc, condiviso con le Regioni.
La Regione Lazio è pronta a fare la sua parte per risolvere definitivamente un problema che riguarda migliaia di famiglie del territorio, aprendo finalmente una fase che coniughi il nuovo modello della sanità con la progressiva stabilizzazione del personale, evitando così di perdere le professionalità che si sono formate nel corso degli anni”.
Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
“Proprio il 14 agosto – continua Zingaretti – si è tenuta in Regione, presso la Cabina di regia, una riunione con tutte le sigle sindacali dei medici per fare chiarezza sulla reale situazione della sanità regionale dissolvendo la nube di incertezza che da anni circonda questo fondamentale settore. E’ emerso infatti un quadro di lavoro condiviso che parte innanzitutto dalla certezza dei numeri.
Attualmente il personale precario impiegato nei vari ospedali è pari a 2615 unità, tra medici e resto del comparto.
Siamo impegnati in questi giorni a svolgere un lavoro puntuale in ogni Asl per rispondere alle indicazioni del nuovo decreto auspicando che venga superato il blocco del turn over che caratterizza fortemente da sette anni il nostro territorio.
Se questo da un lato ha parzialmente contenuto i costi del personale, dall’altro ha comportato progressivamente l’aumento dell’acquisto di beni e servizi dovuti alle esternalizzazioni per garantire i livelli essenziali di assistenza”.


Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: News
525 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *