9 Ottobre 2018 Leggi di più →

FATTURAZIONE ELETTRONICA : questa è la guida fornita sul sito internet dell’Ordine dei Medici di Roma (9 ottobre 2018)

 

Cosa è la fattura elettronica

La fattura elettronica si differenzia da una fattura cartacea principalmente per diversi aspetti:

1) va necessariamente redatta utilizzando un pc, un tablet o uno smartphone;

2) deve essere trasmessa elettronicamente al cliente tramite il c.d. Sistema di Interscambio (SdI);

3) deve essere conservata digitalmente per dieci anni;

4) deve essere trasmessa il giorno stesso della emissione.

Il SdI è una piattaforma on line che svolge i seguenti compiti:

– verifica l’esistenza e la correttezza dei dati obbligatori ai fini fiscali (dati anagrafici, codice fiscale, partita IVA, residenza o sede legale);

– l’indirizzo telematico (c.d. “codice destinatario” ovvero indirizzo PEC) al quale il cliente desidera che venga recapitata la fattura;

In caso di esito positivo dei controlli precedenti, il Sistema di Interscambio consegna in modo sicuro la fattura al destinatario comunicando, con una “ricevuta di recapito”, a chi ha trasmesso la fattura la data e l’ora di consegna del documento.

In definitiva, i dati obbligatori da riportare nella fattura elettronica sono gli stessi che si riportavano nelle fatture cartacee, oltre all’indirizzo telematico dove il cliente vuole che venga recapitata la fattura.

Fatture elettroniche emesse verso le P.A.

Per le fatture elettroniche emesse verso le Pubbliche Amministrazioni restano valide le regole già esistenti.

Fatture di acquisto

Le fatture di acquisto vengono ricevute dal cliente sulla base dell’indirizzo telematico che avrà registrato presso l’Agenzia delle Entrate (PEC o codice destinatario) o, in assenza di indicazioni da parte dell’acquirente, vengono messe a disposizione in apposita area riservata del sito dell’Agenzia.

Soggetti Esonerati

Contribuenti Minimi e Forfettari.

Software

Innanzitutto bisogna avere la PEC attiva e funzionante, ed il cassetto fiscale presso l’Agenzia delle Entrate, che può essere aperto autonomamente dal contribuente o dal commercialista.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un software per predisporre, trasmettere e ricevere le fatture elettroniche, per conservarle nel tempo in maniera sicura e inalterabile, nonché per consultare e acquisire la copia originale delle fatture elettroniche correttamente emesse e ricevute. Un servizio similare viene offerto a pagamento anche dai gestori di posta elettronica.

I consulenti fiscali potranno fornire ai loro clienti un software che oltre al servizio di compilazione, invio e conservazione, consentirà al programma di contabilità la ricezione delle fatture elettroniche, evitando la consegna dei documenti cartacei.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: Fatturazione elettronica, News
933 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *