19 Gennaio 2012 Leggi di più →

Dall’Enpam consultazioni sulla riforma

Terminerà venerdì con il comitato della libera professione (la quota B) il giro di consultazioni che l’Enpam ha avviato per esaminare il progetto di riforma della previdenza – anche alla luce dei contenuti della manovra Salva Italia – che dovrà essere presentato entro il 30 giugno. Per primi sono stati sentiti i rappresentanti degli specialisti esterni, seguiti dagli specialisti ambulatoriali. Oggi toccherà invece ai medici di medicina generale. «L’Enpam» si legge nella nota «ha sempre reagito con tempestività alle richieste di Governo e Parlamento, anche se ha dovuto fare i conti con una grande volatilità normativa e con continui cambiamenti di regole. Sarebbe stato dannoso affrettare i tempi delle riforme nella situazione di grande incertezza normativa degli ultimi anni. Infatti, con le convenzioni e i contratti bloccati, qualsiasi modifica anticipata avrebbe finito per mettere le mani nelle tasche dei medici e degli odontoiatri con il rischio di un sacrificio inutile. La storia ci ha purtroppo dato ragione: oggi, secondo il ministro Fornero, l’ingente patrimonio risparmiato è inutilizzabile. O meglio, in questo momento, serve solo a pagare tasse». Intanto dallo Smi arriva l’appello per affrettare il processo di autoriforma della Fondazione: «Insieme a tutti gli altri sindacati medici» spiega il segretario generale Salvo Calì «abbiamo chiesto in questi giorni al Governo una correzione di rotta e quindi di incontrare il ministro del Welfare, Elsa Fornero, per aprire un dialogo. Nel contempo, però, cogliamo l’occasione per invocare ancora una volta che l’Enpam avvii un serio processo di autoriforma. Troppi dubbi, incertezze e polemiche hanno coinvolto la gestione dell’ente in questi ultimi anni: è giunto il momento di spazzarli via, costruendo una cassa previdenziale più democratica, partecipata e trasparente».

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicato in: News
579 visualizzazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *