News

11 dicembre 2012 - Il primo reportage dell’Ordine dei Medici di Latina dedicato alla presentazione del Progetto della Fondazione Roma chiamato “Scienza e Ricerca”.

I particolari nel servizio realizzato dalla giornalista Dina Tomezzoli e dal cineoperatore Alessandro Mafrici

11 dicembre 2012 - Il primo reportage dell’Ordine dei Medici di Latina dedicato alla presentazione del Progetto della Fondazione Roma chiamato “Scienza e Ricerca”.

TASSA DI ISCRIZIONE ALL’ORDINE - DEDUCIBILITA’ FISCALE

da Marco Perelli Ercolini, in breve n.1 del 4 gennaio 2013

Il laureato in Medicina e Chirurgia per poter esercitare la professione deve dapprima superare l’esame di stato (in mancanza del quale incorrerebbe nel reato di abuso di arte sanitaria) e quindi iscriversi all’Ordine professionale in carenza della quale sarebbe incolpato di esercizio abusivo.

L’iscrizione all’Ordine provinciale comporta il versamento di un tassa annuale indifferenziata (un giorno solo comporta il pagamento di tutto l’anno), che varia da Ordine a Ordine.

Tale tassa è fiscalmente deducibile per coloro che esercitano la professione in maniera abituale con iscrizione IVA tra le spese inerenti all’esercizio per la produzione del reddito.

Per coloro che non hanno aperta la partita IVA non è prevista la deducubilità.

Generalmente sono giovani medici non ancora inseriti con una certa continuità nel mondo professionale oppure vecchi medici che, pur non esercitando più abitualmente, sono rimasti per affettività iscritti al proprio Ordine e che talora si prestano volontariamente per urgenze o a chiamate dell’Autorità per pareri legali o visite e prestazioni.

Poiché tutti i medici hanno l’obbligo non solo deontologico, ma anche giuridico a prestare la propria opera in determinate situazioni, in quanto esercenti una professione di pubblica utilità, potendo inoltre sempre essere chiamati all’esercizio professionale in determinate situazioni contingenti sarebbe doveroso il riconoscimento per tutti della deducibilità fiscale della tassa di iscrizione all’ Ordine professionale.

Acqua all'arsenico: Balduzzi, Polverini intervenga con urgenza

da: 19:28 04 GEN 2013 (AGI)


Roma, 4 gen. - Il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, in un colloquio con il Presidente Renata Polverini ha sollecitato la Regione Lazio "ad adottare con urgenza ogni misura per far fronte ai disagi della popolazione in seguito all'emergenza che si e' determinata in alcuni territori della Regione a causa delle concentrazioni nelle acque destinate al consumo umano di arsenico e/o di fluoro superiori ai limiti di cui al Decreto legislativo 31/2001".

Lo comunica il ministero in una nota, ricordando che "negli ultimi sei mesi ha piu' volte inviato la Regione ad occuparsi della vicenda in vista della scadenza dei provvedimenti di deroga, con note scritte che non hanno avuto una risposta pienamente rassicurante sulle iniziative intraprese".

Il Ministero della Salute, sulla base di un parere del Consiglio Superiore della Sanita' del 19 dicembre scorso, ha sollecitato la Regione Lazio ad adottare gli interventi necessari affinche' l'acqua distribuita risponda ai requisiti di conformita' e ha richiamato l'attenzione circa l'obbligo di fornire alla popolazione interessata informazioni esaustive sull'acqua erogata, in particolare sulle limitazioni d'uso e sulle precauzioni da adottare per quella che supera i limiti imposti.

Il 20 dicembre ha ribadito alla Regione Lazio l'urgenza di adottare piani di emergenza per garantire la fornitura d'acqua alla popolazione dopo la scadenza degli ultimi provvedimenti di deroga concedibili in base alla normativa vigente.

Il Ministero ricorda che i provvedimenti di deroga, chiesti e ottenuti dalla Regione Lazio, da ultimo alla Commissione Europea per tramite del Ministero della Salute, prevedevano, come parte integrante della richiesta, un rigoroso cronoprogramma per il rientro delle acque nei parametri di conformita' che non risulta pienamente realizzato alla data del 31 dicembre 2012.


Pubblicazione delle Graduatorie provvisorie di settore della medicina generale anno 2013 - BURL Regione Lazio n. 72 del 13/12/2012

12/12/2012 - Sul BUR telematico del giorno 13 dicembre 2012 sono state pubblicate le graduatorie provvisorie di settore della medicina generale valide per l'anno 2013 (Determinazione n. 09257 del 3 12 2012) .
Si rammenta che entro 30 giorni dalla pubblicazione gli interessati possono presentare domanda di riesame


Avviso relativo alla procedura di conferma dell'autorizzazione all'esercizio per la strutture sanitarie con la procedura SAASS LAIT Decreto U00437 del 24.12.2012

Prorogata la data di scadenza della preregistrazione e quella del completamento della procedura on line


ore 16.59 del 24 dicembre 2012

Gentili Presidenti,
nell’augurarvi un Buon Natale e Felice Anno Nuovo vi comunico che: A seguito dell'approvazione del Decreto del Commissario ad ACTA U00437 del 24.12.2012 è possibile preregistrarsi al sistema SAASS Lait fino al 18 gennaio 2013 e completare la procedura on line entro e non oltre il 31 gennaio 2013.

Distinti saluti

Il Dirigente dell’Area Autorizzazioni e Accreditamento

Dott. Emilio Bongiovanni

In anteprima il numero 2 di Medicina Pontina News

Gli auguri dell'Ordine e l'elenco delle più significative iniziative svolte nel 2012

versione pdf medicina pontina news n.2 dicembre 2012 Medicina Pontina News - Dicembre 2012 n. 2 
      ALCUNE DELLE PIU’ SIGNFICATIVE PARTECIPAZIONI E MANIFESTAZIONI DELL’ORDINE
      DEI MEDICI DI LATINA NEL 2012 – Resoconti, Foto, Riprese video

Proroga al 30 Giugno 2013 dell'autocertificazione Valutazione dei Rischi

Leggi

Proroga al 30 Giugno 2013 dell'autocertificazione Valutazione dei Rischi : è stato inserito nella "Legge di Stabilità", in approvazione definita oggi 21 dicembre 2012 alla Camera, l'emendamento che proroga al 30 giugno 2013 la validità dell'autocertificazione della Valutazione dei Rischi ai fini del D. Lgs. 81/08.

CONSENSO INFORMATO IN MEDICINA - IL CONSENSO PRESUNTO NON E’ MAI IMPLICITO - Anche se il paziente è un medico necessita sempre il consenso informato

da Marco Perelli Ercolini, in breve n. 51 del 21 dicembre 2012

CONSENSO INFORMATO IN MEDICINA - IL CONSENSO PRESUNTO NON E’ MAI IMPLICITO

Anche se il paziente è un medico necessita sempre il consenso informato.

Il medico, per ogni atto diagnostico e terapeutico, è tenuto ad assicurare il diritto all'autodeterminazione del malato, il quale sarà libero di accettare o rifiutare la prestazione sanitaria.

E', dunque, evidente come la qualità del paziente (nella fattispecie un radiologo) sia irrilevante al fine di escluderne il dovere all’acquisizione, mentre potrà incidere sulle modalità dell'informazione, con l'adozione di un linguaggio che tenga conto del suo particolare stato soggettivo e che, nel caso di paziente-medico, potrà essere parametrata alle sue conoscenze scientifiche in materia.

Da tenere inoltre presente che senza il consenso informato, l’interevento del medico è, al di fuori dei casi di trattamento sanitario obbligatorio per legge o in cui ricorra uno stato di necessità, sicuramente illecito, anche quando sia nell’interesse del paziente.

Nella sentenza sono stati, dunque, precisati i seguenti princìpi:

1) non può esservi un consenso tacito per facta concludentia;

2) la qualità personale del soggetto da informare (nella specie, medico) non fa venire meno l’obbligo di informazione;

3) l’onere della prova con riguardo all’avvenuta illustrazione delle possibili conseguenze dannose della terapia spetta al medico, una volta dedotto dal paziente il relativo inadempimento.

Corte di Cassazione III sezione civile - sentenza 20984 del 27 novembre 2012


Legge 17 dicembre 2012 n. 221 "Crescita Italia"

Importanti novità per il medico: trasmissione telematica certificati malattia, Posta Elettronica Certificata (PEC), ricetta elettronica, ricette prescrizione principio attivo, fascicolo sanitario elettronico, ecc. Leggi la circolare FNOMCeO pervenuta oggi


I risultati del sondaggio di soddisfazione degli iscritti 2012 sono on line

Ringraziamo i 1.153 iscritti (40% sul totale) che con le loro risposte hanno fornito all'Ordine molte notizie utili per il miglioramento dell'attività.

VOTANTI

DONNE % UOMINI % TOTALE %
483 42 670 58 1.153 100
  ISCRITTI % VOTANTI %
DONNE 1.042 100 483 46
UOMINI 1.811 100 670 37

DETTAGLIO PARTECIPANTI DISTINTI PER ETA'

ETA' MC + OD Votanti % su Iscritti
< 31 279 161 58
31-40 459 191 42
41-50 499 237 47
51-60 1.082 454 42
61-70 409 98 24
71-80 90 12 13
> 80 35 0 0
Totali 2.853 1.153 40


IL NOSTRO ISCRITTO PROF ELIO GENOVESI, CHE RINGRAZIAMO, RIASSUME LE NOTIZIE PIU' IMPORTANTI SULLA ECM EMERSE NELL'INCONTRO CON GLI ESPERTI DEL 5 DICEMBRE 2012

Leggi

Riferisco i punti salienti della riunione del 5 dicembre presso l'Ordine dei Medici di Latina su ECM, presenti il dott. Giovanni Maria Righetti, Presidente dell'Ordine Medici di Latina, il dott. Luigi Conte, Componente Commissione Nazionale per la Formazione Continua, Segretario FNOMCeO, il dott. SESTO FRANCIA , Responsabile Ufficio ECM della FNOMCeO, Dina Tomezzoli, giornalista, conduttrice.

1) Il medico può scegliersi il proprio percorso formativo annuale o triennale . Può quindi ottenere crediti da eventi su argomenti di interesse non strettamente specialistico e tecnico – professionale ma anche solo trasversale ( appropiatezza delle cure, sicurezza del paziente e dei lavoratori in sanità, ecc. ).

2) Può anche ottenere i 150 crediti richiesti nel triennio in due soli anni, dato che se ne richiedono un minimo di 25 ed un massimo di 75 per anno.

3) I liberi professionisti e gli Odontoiatri non sono tenuti ad una stretta osservanza dei limiti temporali e quindi possono ottenere i 150 crediti anche in un solo anno.

4)Non vi è limite a quanti crediti si ottengano con corsi FAD, non vi è quindi obbligo di frequentare, eventi residenziali ( congressi, corsi, simposi ) . Il limite del 60 % esiste soltanto per la professione infermieristica.

5) Da parte della Commissione Nazionale ECM c'è la volontà di promuovere ed aumentare i corsi FAD di interesse trasversale generale, in modo che tutta o quasi tutta la dotazione di crediti si possa ottenere on line o tramite fax. Gli eventi del Ministero della Salute in collaborazione con FNOMCeO ed IPASVI sono e dovrebbero restare gratuiti.

6) I Medici di sesso femminile sono esentati dal conseguire crediti se in gravidanza; l'anno di esenzione è quello nel quale vi sono più mesi di gestazione; non vi sono esenzioni durante l'allattamento.

7) Gli Specializzandi sono esentati ; anche la frequenza di master universitari , in Italia ed all’estero, di almeno 150 ore ed il dottorato di ricerca dà esenzione dagli obblighi ECM. L’obbligo ECM per i neolaureati inizia dall’anno solare successivo a quello di iscrizione all’Ordine dei Medici.

8) Dà diritto all’esenzione il servizio militare, i permessi parentali per assistenza a degenti e figli minori ecc.

9) L'insegnamento universitario non fa attribuire crediti ; i docenti in corsi accreditati ECM ottengono crediti in base alle ore di impegno nella misura di 2 crediti /ora ed 1 credito/1/2 ora.

10) Spesso si partecipa a congressi o corsi , con impegnativa tassa di iscrizione, senza poter sapere in anticipo quanti crediti si potranno ottenere, si compra a scatola chiusa. Questo non dovrebbe più accadere in quanto con l’accreditamento dei Provider questi potranno autonomamente attribuire i crediti agli eventi che organizzano.

11) Gli Ordini dei Medici e le Società Scientifiche dovrebbero pertanto accreditarsi come providers per organizzare gli eventi, residenziali o FAD. E possono farlo presso la Commissione Nazionale o presso le Commissioni Regionali in base alla prorpia dislocazione ed interesse territoriale.

12) Spesso i punteggi dati ad eventi come congressi nazionali di Società Scientifiche sono di gran lunga inferiori a quelli magari di una sola mattina. E' stato spiegato che criterio seguito è che sia più fruttuoso un aggiornamento con pochi partecipanti che uno con migliaia. Bisognerebbe chiarire al Ministero che , come succede in quello della SOI (Società Oculistica Italina), nei grandi congressi vi sono almeno sette aule ove, contemporaneamente, si svolgono diversi temi. Ossia che i partecipanti si dividono in gruppi, ciascuno interessato a seguire aggiornamento dedicato ad una sub-specialità. In effetti i pochi crediti attribuiti ad un mega evento nazionale od internazionale riguardano l’evento nel suo insieme senza vincoli stringenti di rilevazione delle presenze e senza valutazione finale. Quando all’interno di tali eventi si organizzano sessioni specifiche super specialistiche, queste possono accreditate singolarmente con tutti i relativi obblighi di controlli e sicuramente assegnano più crediti in una mattinata che per tutto il congresso. Questi criteri tengono conto del fondamentale valore didattico e formativo dell’evento.

13) I crediti ottenuti all'estero possono essere attribuiti per il 50 % stanti le differenze del sistema ECM italiano rispetto ad altri paesi e la mancanza di verifica dell’apprendimento. I medici dipendenti portano la documentazione al proprio ufficio formazione aziendale per il riconoscimento. Per i liberi professionisti e per gli odontoiatri bisogna portare l'attestato al Presidente , od a chi per lui, del proprio Ordine , che provvederà al riconoscimento dei crediti ed alla loro registrazione presso l’anagrafica del COGEAPS.

14) La recente legge che propone punizioni per chi non ottempera all'ottenimento dei crediti , resta al momento sospesa ; si cerca , da parte dell'ufficio ECM, di far sostituire punizione con promozione, anche per le difficoltà obiettive di procedere a sanzioni. Non mi sembra che la legge sia retroattiva : pertanto , se così, chi non ha fatto crediti in passato non sarà, in ogni caso, punito.

15) Purtroppo non si è avuta la possibilità di parlare dei test di apprendimento negli eventi residenziali (ai quali si dovrebbe rispondere senza errori per almeno il 75% dei quesiti) , ove non è raro che le domande siano criptiche, ambigue, su argomenti non trattati o trattati di sfuggita , o marginali, con spesso un degradante copia copia finale . Questa viene rilevata come una giusta critica a cui si porrà rimedio attraverso un incremento di controllo presso gli eventi da parte dei componenti della Commissione e dell’Osservatorio. Ma la responsabilità di ciò è anche in carico al Responsabile scientifico dell’evento, al comitato scientifico che deve lavorare in tal senso ed al senso di responsabilità di relatori e discenti. Andrebbero, a mio giudizio, aboliti o trasformati, anche perché nei corsi FAD si ha tutto il tempo di rivedere gli argomenti su cui vertono i quesiti , essendovi così una disparità di situazioni.


ELIO GENOVESI

Latina 09/12/2012

RICONGIUNZIONI PREVIDENZIALI - ALTRO COLPO ALLA PREVIDENZA

da Marco Perelli Ercolini, in breve n.50 del 14 dicembre 2012

Con la legge di stabilità si tornerebbe alla gratuità delle ricongiunzioni dei periodi contributivi in più gestioni, ma con lo scotto di assegni pensionistici ridotti.

Il nuovo istituto si chiama “totalizzazione retributiva”: ogni ente al quale sono stati versati contributi pagherà la propria quota di pensione sulla base delle rispettive retribuzioni di riferimento e non una unica pensione calcolata sulla sommatoria di tutti i periodi.

Ricordiamo che abolita la legge 322/1958 che permetteva a coloro che cessavano un rapporto di lavoro nel settore pubblico senza aver maturato il diritto alla pensione per mancanza del requisito dell’età anagrafica, di trasferire gratuitamente i propri contributi all’INPS ai fini del riconoscimento della pensione una volta raggiunto il requisito, in quanto non previsto dall’INPDAP, la circolare numero 18 dell’8 ottobre 2010 prevede ora che tale facoltà possa essere esercitata anche dall’INPDAP in presenza dei requisiti minimi richiesti di età e contribuzione indipendentemente dalla sussistenza del rapporto di lavoro in atto o sia cessato il rapporto di lavoro, cioè che i suddetti requisiti siano raggiunti in costanza di attività lavorativa.


Il medico pensionato è tenuto obbligatoriamente ai corsi di aggiornamento e a stipulare la assicurazione per il rischio professionale?

da Marco Perelli Ercolini, in breve n. 50 del 14 dicembre 2012)

Il quesito è stato rivolto per tramite la Feder.S.P.eV. (Federazione Sanitari Pensionati e Vedove) alla Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Ebbene i pensionati, seppur iscritti all’Albo professionale, che non svolgono la professione in modo abituale non sono tenuti né ai corsi ECM, né alla stipula di una assicurazione contro il rischio professionale.

Infatti la semplice condizione di iscrizione all’Albo professionale non implica né i corsi ECM né l’assicurazione, al contrario è l’esercizio della professione che ancora all’aggiornamento e, dal prossimo 13 agosto 2013 salvo ulteriori proroghe, alla assicurazione contro il rischio professionale, anche se per l’esercizio professionale è per legge obbligatorio essere iscritto all’Ordine dei medici chirurghi o degli odontoiatri, per non incorrere nel reato di esercizio abusivo della professione sanitaria.

ECM :NOVITA' PER I COLLEGHI NUOVI ISCRITTI ALL'ORDINE

LA COMMISSIONE NAZIONALE ECM, CON DELIBERA DEL 4 DICEMBRE 2012, HA DECISO CHE IL LORO DEBITO FORMATIVO (ACQUISIZIONE DEL CREDITI ECM) AVRà INIZIO DAL PRIMO MESE DELL'ANNO SUCCESSIVO ALL'ISCRIZIONE ALL'ORDINE...segue


esempio: per un iscritto all'Ordine il 27 giugno 2013 il credito formativo decorrerà dal 1 gennaio 2014.

Lo comunica la FNMCeO con una nota del 5 dicembre 2012.

NB : Non è segnalato se la norma è retroattiva oppure decorre dal 2013.


ECM CORSI FAD FNOMCeO : NOVITA' COMUNICATE DALLA FNOMCeO CON NOTA DEL 7 DICEMBRE 2012

*PROROGATI I TERMINI PER I CORSI FAX AUDIT E SICUREZZA.
*FISSATE LE SCADENZE PER IL NUOVO CORSO "APPROPRIATEZZA" (attenzione: il manuale è da chiedere alla FNOMCeO perché l'Ordine non ne è ancora in possesso, quindi è da richiedere alla FNOMCeO con procedura telefonica automatizzata al n. 06.6841121, che conterrà il test di valutazione da inviare per fax.
*COME CONOSCERE GLI ESITI DEI CORSI FAX AI QUALI SI E' PARTECIPATO.


Con un certo ritardo, e ce ne scusiamo, pubblichiamo una nota del collega Francesco Davoli, nuovo Presidente della sezione provinciale dell'AMCI (Associazione Medici Cattolici Italiani), con la quale comunica il programma delle attività

Leggi

26 novembre 2012

Egregio Presidente dott. Giovanni Maria Righetti, anche quest’anno inizierà l’attività dell’AMCI. Il tema sarà quello della sofferenza (dolore fisico e disagio psicologico e morale) del paziente e delle possibilità che ha il medico di prendersi cura del malato sofferente.

Le sedute di informazione di cui ti allego il calendario avranno luogo presso la sala delle Suore del Preziosissimo Sangue sita in Via G.B. Vico alle ore 19.00 del sabato.

E’ gradita la presenza e la partecipazione di ogni collega.

Dott. Francesco Davoli

NB gli incontri si terrano nei seguenti giorni nel 2013 :

12 gennaio
2 febbraio
3 marzo

Gli incontri, con gli argomenti proposti, sono stati inseriti nel nostro calendario degli eventi. Purtroppo, causa nostro ritardo nella pubblicazione, un evento è stato già svolto e cioè quello del 1 dicembre dedicato a "L'uomo della Sindone", relatore Dott. Vincenzo Aquino.

Il Presidente
Giovanni Maria Righetti

Domanda di inserimento nelle graduatorie regionali di settore della medicina generale anno 2014

11/12/2012 - E' disponibile il modello per l'inserimento/l'integrazione dei titoli nelle graduatorie regionali di medicina generale, a valere per l'anno 2014, relative alle attività nel settore di: assistenza primaria, continuità assistenziale, emergenza sanitaria territoriale e medicina dei servizi territoriali.

La domanda, compilata e debitamente sottoscritta, deve essere spedita con Raccomandata A.R. all’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio - Dipartimento Programmazione Economica e Sociale – Direzione Regionale Programmazione e Risorse del SSR – Area Risorse Umane e Formazione – Via R. R. Garibaldi 7 - 00145 Roma – entro e non oltre il 31 gennaio (a tal fine fa fede il timbro postale).

Inoltre la domanda deve essere in regola con le vigenti norme in materia di imposta di bollo Euro 14,62 (come da nota Agenzia Entrate 954-19608/2010).

Alla domanda e alla dichiarazione sostitutiva deve essere allegata la fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

Domanda di partecipazione alla graduatoria regionale di pediatria di libera scelta annno 2014

La domanda, in regola con le vigenti leggi in materia di imposta di bollo, deve essere spedita a mezzo raccomandata o consegnata a mano entro e non oltre il 31 gennaio alla Regione.

Per l’accoglimento della domanda farà fede il timbro postale o il timbro apposto dall’ufficio protocollo se consegnata a mano.

Ai fini della graduatoria sono valutati solo i titoli di servizio posseduti alla data del 31 dicembre.


COMITATO ZONALE PROVINCIA DI LATINA - GRADUATORIA PROVVISORIA MEDICI SPECIALISTI VALEVOLE PER L’ANNO 2013

N.B.: il termine utile per la presentazione di eventuale ricorso è fissato al 09/01/2013


Dr. Giorgio Milita
A.U.S.L. Latina
U.O.S. Gestione Contratti Personale a Convenzione
Tel.: 07736553496
FAX: 07736556498


Il Ministro della Salute Renato Balduzzi ha presentato la Relazione sullo stato sanitario del Paese. E purtroppo la forma degli Italiani lascia molto a desiderare.

E purtroppo la forma degli Italiani lascia molto a desiderare. Sono sempre di più gli Italiani obesi e in sovrappeso a causa di una cattiva alimentazione e dell’eccessiva sedentarietà. E non sono risparmiati neanche i ragazzi che abusano oltretutto di alcol e fumo.

(da Redazione di Gaianews.it il 12.12.2012)

Sono sempre di più gli Italiani obesi e in sovrappeso a causa di una cattiva alimentazione e dell’eccessiva sedentarietà. E non sono risparmiati neanche i ragazzi che abusano oltretutto di alcol e fumo.
Sono soprattutto gli uomini, le classi più povere e quelle meno istruite ad avere problemi di peso.
E la Puglia è la regione che detiene il primato di persone obese e sovrappeso mentre Trento è la regione più virtuosa.
Ma ecco alcuni dati: 4 italiani su 10 hanno problemi di peso.
L’11% è obeso e il 32% è sovrappeso.
Non vanno meglio i bambini in cui l’11% è obeso e quasi il 23% è sovrappeso.
Il problema potrebbe avere radici nell’alimentazione, visto che solo il 10% della popolazione, soprattutto le donne , dice di mangiare 5 porzioni di frutta o verdura al giorno, anche se il 97% degli intervistati mangia frutta e verdura almeno una volta al giorno.
Ma anche l’attività fisica è poco praticata: circa un terzo degli italiani è completamente sedentario, soprattutto al sud, fra chi è più povero e meno istruito.
Le prime cause di morte sono le malattie cardiocircolatorie seguite dai tumori.
Basti pensare che il solo vizio del fumo uccide ogni anno da 70.000 a 83.000 persone.
Gli Italiani hanno anche diversi vizi: alcol, dipendenze e gioco d’azzardo.
I ludopadici sono stimati in circa 700.000.

Il nostro collega Filippo Sciarra in memoria di Abi Rached, chirurgo vascolare a Formia recentemente scomparso

Leggi


27 novembre 2012

Caro presidente Righetti, sono il collega Sciarra.
Credo che avrai saputo della improvvisa dolorosa scomparsa del collega Abi Rached, avvenuta ieri mattina...
Mi piacerebbe che tu lo ricordassi con un breve testo sul ns. sito, lo merita certamente; come sai, era un chirurgo vascolare del Goretti, anzi, lui, il primario e pochi altri hanno avviato, credo circa 10 anni fa, provenendo da Roma, il servizio di chirurgia vascolare qui a Latina, contribuendo a farlo divenire un ottimo reparto, (quello vascolare la cui mancanza in provincia si faceva ben sentire e costringeva i pazienti a penosi viaggi della speranza a Roma).
Probabilmente non era iscritto all'Ordine di Latina ma poco importa; certamente ha dato tanto, tutto sè stesso alla professione e alla moltitudine di pazienti che ha operato e/o curato in tanti anni, raggiungendo brillanti risultati.
Io l'ho conosciuto in sala operatoria a Latina: molto serio nei momenti chirurgici clou, in realtà era quasi sempre allegro e scherzoso, amava il suo lavoro che tra l'altro costringe a frequenti urgenze, spesso notturne o festive, per cui non si risparmiava mai e sacrificava il suo tempo libero a favore dei pazienti, trascurando per questo anche la sua famiglia che viveva a Roma..
Da pochi mesi, si era trasferito a Formia, al "Dono svizzero", cercando di bissare la felice esperienza di Latina: per cui era davvero entusiasta di ricominciare tutto daccapo, un impresa da far tremare i polsi, e cioè creare dal nulla un nuovo servizio di chirurgia vascolare, per alleviare quello di Latina, oberato di lavoro...
Mi piacerebbe incontrare i due figli per dirgli che possono essere fieri del loro papà che, si spera, li guarda e li protegge da lassù sin da ora...
Addio Abi, amico mio, grazie per essere stato tra noi, anche se per troppo poco tempo...

filippo sciarra

1 DICEMBRE 2012 - GIORNATA MONDIALE LOTTA ALL'AIDS

Miriam Lichtner e Claudio Mastroianni inviano un breve report sulle attività svolte in quel giorno a Latina e che volentieri pubblichiamo.

giornata test aids latina dic 2012

3 dicembre 2012

Vi inviamo un brevissimo report della giornata del primo dicembre a Latina

Cordiali saluti

Miriam Lichtner e Claudio Mastroianni

Dott.ssa Miriam Lichtner
Ricercatore presso il Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma Polo Pontino +393496447228,

N.B. Replay to miriam.lichtner@uniroma1.it

Scarica il report completo della giornata 

INIZIA LA COLLABORAZIONE TRA AVIS PROVINCIALE E ORDINE DEI MEDICI DI LATINA rivolta ai medici di medicina generale

Leggi il primo appuntamento con i medici di famiglia di Cori e Norma

3 dicembre 2012

Gent.mi Medici di Famiglia di Cori e Norma

VENERDI 21 DICEMBRE 2012 ORE 19.00 presso il Ristorante "Zampi" sito in Cori, Via G.Leopardi.

A margine della riunione saremmo davvero felici di averVi ospiti a cena.

Il Presidente AVIS Provinciale Latina
Vincenzo Piccaro

Il Presidente dell'Ordine dei Medici di Latina
Giovanni Maria Righetti



PREMIO DI LAUREA "MIRELLA BARBATO" - ROTARACT CLUB LATINA (SCADENZA 31 DICEMBRE 2012)

Riceviamo il 7 dicembre e volentieri pubblichiamo


7 dicembre 29012

Gentile Ordine,
il Rotaract Club Latina, in collaborazione con il Rotary Club Latina, bandisce la decima edizione del Premio "Mirella Barbato", un concorso nazionale aperto ai laureati di tutte le facoltà, per il conferimento di un premio di laurea (1.500 euro) da assegnare ad una tesi che tratti argomenti relativi alla Città di Latina ed alla sua Provincia.
In allegato il bando di concorso (pdf).
Il concorso è rivolto alle tesi di laurea specialistica o del vecchio ordinamento discusse negli anni compresi tra il 2003/2004 e il 2010/2011.
La data di scadenza per l'invio dei materiali richiesti è stata fissata al 31 dicembre 2012.
Si prega vivamente di diffondere tramite tutti gli strumenti/mezzi a Vostra disposizione il presente bando e di informare direttamente i Vostri iscritti.
E' possibile scaricare il bando anche dai seguenti siti internet:
http://rotarylatina.it/index.php
http://www.facebook.com/#!/events/349170931834024/

Vi ringrazio per l'Attenzione e la Cortesia.

Cordiali Saluti

Fabrizio Giona
Presidente Rotaract Club Latina

Fabrizio Giona fabrizio.giona@gmail.com
cell: 320-8889435
skype: fabrizg2010

AVVISO PER AUMENTO ORARIO NELLA MEDICINA DEI SERVIZI TERRITORIALI (SCADENZA DOMANDA 13/12/2012)

Riceviamo dalla Aziwenda USL Latina il 4 dicembre 2012 e volentieri pubblichiamo


4 dicembre 2012

Per la massima diffusione tra il personale medico interessato si rimette, in allegato, l’Avviso concernente l’oggetto che verrà inviato altresì per posta ordinaria.

Cordiali saluti

D.ssa Lidia Vaccarella

collaboratore amm.vo pro.le esperto U.O.S.
Gestione Contratti Personale a Convenzione
0773/6556567 - fax 0773/6556498

ECM - COS’E’ IL DOSSIER FORMATIVO ?

Leggi

ForumECM rivolge alcune domande a Luigi Conte, componente della Commissione Nazionale per la Formazione Continua e Coordinatore della quarta Sezione, Indicazione e sviluppo degli obiettivi formativi nazionali e coordinamento di quelli regionali, sul Dossier Formativo. Membro del Comitato centrale della FNOMCeO e coordinatore dell’Ufficio Nazionale per l'ECM della stessa federazione, Conte può contare su una lunga esperienza professionale maturata sia come medico che come responsabile di una struttura organizzativa sanitaria. Esperienza che Conte impiega nella complessa attività di definizione degli obiettivi formativi nazionali e dei contenuti del Dossier Formativo individuale e di gruppo che lo vede protagonista in seno alla Commissione nazionale.

Attualmente in fase di sperimentazione il Dossier Formativo costituisce uno strumento a disposizione del professionista e del Sistema sanitario per una pianificazione del percorso formativo che risponda sia alle esigenze del singolo in termini di aggiornamento professionale che a quelle derivanti dai Piani sanitari nazionali, regionali e dell’organizzazione nella quale presta la propria opera lo stesso professionista.

Uno strumento, il Dossier Formativo, sul quale poggia il Programma nazionale ECM così come ridisegnato dagli ultimi Accordi Stato-Regioni.

Il recente Accordo Stato-Regioni ha confermato, tra gli strumenti per la gestione della formazione continua, il Dossier Formativo individuale e di gruppo, introdotto dai precedenti Accordi del 1 agosto 2007 e del 5 novembre 2009 aventi come oggetto il riordino della Formazione Continua in Medicina.

Il Dossier Formativo è uno strumento di programmazione, rendicontazione e verifica ad uso e a gestione del professionista che attraverso lo stesso Dossier Formativo autodetermina con libertà ed autonomia il proprio percorso di aggiornamento, tenuto conto degli obiettivi formativi nazionali e regionali.

Il Dossier Formativo dovrebbe dunque assicurare che il processo ECM non sia realizzato in modo estemporaneo ma contemperi i bisogni professionali del singolo con quelli generali dell’organizzazione e del sistema.

Secondo quali modalità questo potrà avvenire?

Il Dossier Formativo deve essere ancorato all’anagrafica dei professionisti sanitari italiani e permettere di verificare dati anagrafici, titoli di studio e percorso formativo effettuato nel corso degli anni.
La sua costruzione dovrà avvenire attraverso l’accesso al portale del CoGeAPS (Consorzio per la Gestione delle Anagrafiche delle Professioni Sanitarie) con chiavi di accesso personali.
Il Dossier Formativo prevede quattro specifiche sezioni.
Una prima sezione (Anagrafica) che contiene il profilo anagrafico con l’indicazione del profilo professionale, della collocazione lavorativa/posizione organizzativa e del curriculum dell’operatore.
Una seconda sezione (Programmazione) indicante il fabbisogno formativo individuale definito in rapporto al profilo e alle aree di competenza dell’operatore e alle caratteristiche dell’attività clinico-assistenziale svolta.
Una terza sezione (Realizzazione/Evidenze) che riporta le evidenze relative all’attività di formazione effettuata (documentazione, crediti, tipologie di attività) e alle altre attività considerate rilevanti (docenza, tutoraggio, ricerca).
Infine una quarta sezione (Valutazione) riguardante la valutazione periodica da parte del singolo professionista, dell’Azienda, degli Ordini, Collegi, Associazioni etc.
Sulla base di un approccio che tenga conto della possibilità di rappresentare la multidimensionalità e la specificità delle professioni sanitarie, si è proposto un sistema semplificato, ma esaustivo, per classificare le competenze e le conseguenti attività formative a queste correlate, suddiviso in tre macro-aree:

Competenze Tecnico Specialistiche,
Competenze di Processo ,
Competenze di Sistema.

Le Competenze Tecnico-Professionali sono quelle medico-specialistiche e quelle delle diverse professioni sanitarie esercitate sia individualmente, ovvero come liberi professionisti, sia negli ambiti organizzativi previsti dal 229/99, dai CCNNLL delle diverse aree contrattuali e dagli atti aziendali. Rientrano in questa area le attività formative effettuate in accordo alle linee guida stabilite dalle Società Scientifiche relative agli specifici ambiti professionali e in rapporto all’evoluzione tecnologica e scientifica.

Per quanto riguarda le Competenze di Processo relazionali/comunicative si intendono quelle relative alla capacità di relazione, comunicazione e rapporti con i pazienti, con gli altri soggetti dell’organizzazione (colleghi e Direzioni), con soggetti esterni (Istituzioni), con i cittadini e con gruppi di lavoro. Rientrano dunque in questa area le attività formative relative al lavoro in équipe, ai processi di integrazione e comunicazione interna ed esterna, alla comunicazione con i parenti, con i pazienti etc.

La terza macro-area riguarda le Competenze di Sistema organizzativo/gestionale, situazionali e di ruolo ovvero quelle relative alle modalità con cui le competenze tecnico professionali vengono applicate nel proprio contesto di lavoro. In questo ambito vanno ricomprese le Competenze Generali Sanitarie clinico e assistenziali relative al proprio profilo professionale e al codice deontologico, alla conoscenza delle norme generali e del contesto organizzativo nel quale si opera. Rientrano in questa area le attività formative relative alla declinazione del proprio agire professionale nei contesti operativi, relative alla gestione della sicurezza del paziente, all’appropriatezza, all’organizzazione e gestione dei contesti organizzativi e finalizzate alla qualità dei servizi e delle cure e alla razionale allocazione delle risorse. Inoltre fanno parte di questa area le attività formative relative al mantenimento /aggiornamento delle competenze cliniche e assistenziali di base del proprio “core” professionale, alla deontologia e all’Etica professionale, alla conoscenza della legislazione e del contesto.

All’interno di queste sezioni, ciascun professionista avrà la possibilità di coniugare gli specifici obiettivi formativi su cui ritiene di aver bisogno di aggiornamento per migliorare le sue performance.
Il Dossier Formativo quindi valorizza il diritto/dovere del professionista della Sanità di acquisire crediti ECM su tematiche coerenti con il proprio lavoro, profilo professionale e posizione organizzativa.
I percorsi formativi dovranno essere coerenti con gli obiettivi specifici professionali e gli obiettivi derivanti dai Piani Sanitari Nazionali, regionali ed aziendali.
Ma anche per l’organizzazione e per le Professioni (Azienda, Dipartimento, Unità Operativa, Ordini, Collegi o Associazioni), responsabili del governo strategico della formazione e della qualità professionale, il Dossier Formativo rappresenta un’occasione per orientare efficacemente le scelte formative, valorizzare i singoli professionisti, realizzare una puntuale analisi del fabbisogno formativo e monitorare le attività formative stesse.

Il Dossier Formativo, come detto, prevede un ampio grado di libertà del professionista sanitario. Si parte dunque dal presupposto che il professionista possieda la giusta maturità per autogestire il proprio aggiornamento.

A suo parere oggi il professionista può essere considerato effettivamente maturo nel suo approccio verso il proprio aggiornamento professionale?

Introdurre la cultura e la valorizzazione della documentazione dei percorsi formativi significa soprattutto responsabilizzare il singolo professionista, ma significa anche introdurre uno strumento per la rilevazione del fabbisogno formativo effettivo e dare risposte efficienti e qualificate in tema di offerta formativa.
Il dato che circa il 70% di medici ed odontoiatri nel periodo sperimentale ha aderito al Programma nazionale ECM ottemperando all’obbligo dei crediti ha incoraggiato un atto di stima e di fiducia nei nostri professionisti sanitari.
È chiaro che ci dovrà essere un attento monitoraggio per evitare atti di opportunismo che non mancano mai in qualsiasi campo umano e professionale.
La verifica periodica è espressione dell’autonomia e responsabilità del singolo professionista nei riguardi dell’obbligo etico e deontologico della garanzia della qualità professionale e contribuisce a garantire la tenuta del Sistema ECM e la realizzazione della sua mission.
Questa verifica dovrà realizzarsi attraverso appositi Audit all’interno delle specifiche articolazioni organizzative aziendali per ciò che riguarda i professionisti dipendenti (esempio specifici audit improntati alla “valutazione tra pari” e guidati dai responsabili del gruppo o della struttura o del dipartimento o suo delegato per la formazione) o in appositi Audit professionali presso gli Ordini, i Collegi, le Associazioni, per ciò che riguarda i liberi professionisti.

Alle difficoltà legate al fatto di rappresentare una novità il Dossier Formativo potrebbe sommare quelle di gestione.

Questo se non si arriverà ad un sistema realmente semplificato.

In generale quali pensa siano i più rilevanti problemi che il professionista sanitario potrebbe incontrare nell’impiego del Dossier Formativo?

Il Dossier Formativo potrà essere predisposto e conservato soltanto su supporto informatico con uno spazio dedicato a ciascun professionista sul portale del CoGeAPS.
Questo potrebbe essere un problema per la non uniforme e capillare diffusione della informatizzazione sul territorio nazionale e per l’idiosincrasia di taluni al mezzo informatico.
Ma contiamo sulla collaborazione degli Uffici Formazione/ECM delle Aziende e degli apparati organizzativi di Ordini, Collegi ed Associazioni sia a livello provinciale che a livello federativo nazionale.
Un fatto è certo che abbiamo pensato ad un sistema estremamente semplificato assolutamente accessibile a tutti.

Il Dossier Formativo è oggi oggetto di un’importante sperimentazione, che vede coinvolte diverse strutture sanitarie e ordini professionali.
Come è articolata la sperimentazione e a che punto si trova oggi? Ma soprattutto sono già emersi elementi di interesse sui quali si può già orientare il modello di Dossier Formativo?

La sperimentazione del Dossier Formativo impegna tutte le aziende sanitarie ed ospedaliere del la Regione Veneto, il Collegio IPASVI (Infermieri Professionali Assistenti Sanitari e Vigilatrici di Infanzia ndr) di Napoli, l’Ordine dei Medici di Reggio Emilia, due Aziende territoriali della Regione Friuli Venezia Giulia e un Ospedale Religioso Privato della Regione Campania.
I tempi di realizzazione della sperimentazione non sono uniformi per la difficoltà a reperire partecipanti su base volontaria.
Il modello esiste e stiamo lavorando per rilevare eventuali criticità nell’approccio alla creazione informatica del Dossier Formativo e nella creazione di coerenza tra il Dossier Formativo individuale e quello di gruppo.

QUINTO CONGRESSO NAZIONALE AMAMI - L'Ordine dei Medici di Latina tra gli organizzatori - Leggi il Programma e lo scopo dei lavori congressuali

venerdi 14 dicembre ore 14.00 - 19.00
sabato 15 dicembre 9.00 - 9.00 - 16.30
Roma, Sheraton Golf Parco de’ Medici
Viale Salvatore Rebecchini, 39 00148
Roma Tel. 06 65288
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA
Manuela Tosoni: cell. 333 1411958
Loretta Panzini
info@associazioneamami.it

Scopo dei Lavori congressuali sarà:

- definire la condizione di “accusa infondata di malpractice” e fotografare la situazione attuale;

- trattare del “Decreto Balduzzi”; degli eventuali profili di responsabilità civile cui potrebbero incappare i consulenti colpevoli di avere redatto un elaborato infondatatamente accusatorio; del ruolo attuale degli ordini dei medici nel contrastare le accuse infondate; dell’inutilità dello strumento penale che condanna 1 medico ogni 100 inquisiti; della medicina difensiva o più precisamente “dell’oservanza giurisprudenziale”; dei falsi numeri sugli errori medici; della problematica assicurativa e degli strumenti alternativi per la tutela del patrimonio economico dei sanitari;

- illustrare e divulgare gli strumenti proposti dall’Associazione, atti a limitarne il fenomeno dell’accusa infondata di malpractice.

All’apertura dei Lavori sarà presentato il primo studio italiano, condotto dall’Università cattolica del Sacro Cuore di Roma presso la Procura della Repubblica, che dimostrerà come sia esiguo il rapporto tra medici inquisiti e medici condannati.

Le giornate si svolgeranno entrambe con Panel della durata di 90 minuti ciascuno che saranno precedute da una “provocazione” di circa 10 minuti con la quale i “provocatori” accenneranno ai problemi che stanno vivendo i medici in questo momento storico ed i panelists li tratteranno.

La seconda giornata si aprirà con una sintesi dei 10 anni di attività dell’Associazione.

Infine nelle ultime sessioni della seconda giornata tratteremo alcuni temi preordinati e daremo voce agli associati.

Seguirà l’elezione per il rinnovo del Consiglio direttivo dell’Associazione.

Un carissimo ringraziamento e buon lavoro a tutti!

Il Presidente del Congresso

Maurizio Maggiorotti

05 DICEMBRE 2012 - ECM 2011 - 2013

Incontro con gli esperti: domande e risposte
Le foto.
Registrazione dell'incontro trasmesso in diretta streaming.

 

ECM 2011 - 2013

Registrazione dell 'incontro, trasmesso in video streaming dalla sede dell'Ordine, nel corso del quale Luigi Conte e Sesto Francia, rispettivamente Segretario e Responsabile dell'ufficio formazione della FNOMCEO, hanno chiarito molti aspetti dell'ECM.

Sono stati inoltre consegnati gli attestati di partecipazione ai corsi RCA, AUDIT e GOVERNO CLINICO. 


La galleria fotografica

 

Selezione, per titoli e colloquio, per l’assegnazione di n. 1 borsa di studio per un laureato in psicologia con specializzazione, per lo sviluppo del progetto “La patologia neoplastica in età fertile: il sostegno psicologico alla donna e alla famiglia

Leggi

26 novembre 2012

Gentile Presidente, come d'accordo allego:

brevi informazioni sull'attività dell'Ass. Iris e i doc. bando, con preghiera di pubblicazione sul sito dell'Ordine Medici che rappresenti.

Un sentito ringraziamento anche da parte del presidente, dott. F. Maneschi.

Il segretario Ass. Irisi PRC OG Onlus Latina
D.ssa Marilisa Coluzzi 333 1085438

Di seguito il link pagina facebook dell'associazione dove si può scaricare bando e fac simile domanda

http://www.facebook.com/?sk=welcome#!/latinaassociazione.iris

In allegato file su attività associazione e qualche indicazione :

MEDICO DEL SERVIZIO SANITARIO PRESSO IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI LATINA

Riceviamo dal Comando Provinciale VVF Latina

27 novembre 2012

SI TRASMETTE COPIA DELL’AVVISO PUBBLICO DELLA PROCEDURA COMPARATIVA FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO PER IL CONFERIMENTO DELL’INCARICO DI ”MEDICO DEL SERVIZIO SANITARIO” PRESSO LO SCRIVENTE COMANDO PROVINCIALE, CON RICHIESTA A CIASCUNO DEGLI ENTI IN INDIRIZZO DI VOLERNE DARE LA MASSIMA DIFFUSIONE NEI RISPETTIVI AMBITI DI COMPETENZA. UNITAMANTE ALL’AVVISO SI TRASMETTE ANCHE FAC-SIMILE DELLA DOMANDA DA UTILIZZARE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA COMPARATIVA. AI CENTRI PER L’IMPIEGO SI CHIEDE DI VOLER DARE COMUNICAZIONE DELLA PROCEDURA ANCHE AI RISPETTIVI UFFICI TERRITORIALI. L’AVVISO ED IL FAC-SIMILE DI DOMANDA SONO REPERIBILI ANCHE SUL SITO ISTITUZIONALE DI QUESTO COMANDO,

ALL’INDIRIZZO INTERNET

http://www.vigilfuoco.it./sitiVVF/latina/ .

VCTI DANIELE MARSELLA
COMANDO PROVINCIALE VVF LATINA

Condividi contenuti