30 luglio 2016 Leggi di più →

Ecm e medici competenti, Ordine di Latina: accertamenti in corso. Ecco la nostra attività (da DoctorNews33 del 30 luglio 2016)

Dopo le recenti precisazioni di Fnomceo sul presunto depennamento dei medici competenti, non in regola con i crediti formativi relativi al triennio 2011-2014 dopo il 30 giugno, uno degli Ordini provinciali che in questa fase stanno accertando l’effettivo possesso dei requisiti, quello di Latina, ha scritto a Doctor33 per precisare l’attività svolta in questa fase. Di seguito la lettera «Recenti notizie sul pericolo di “depennamento” di 3.500 medici competenti dall’elenco nazionale del Ministero della Salute hanno innestato una serie di reazioni che aggiungono ulteriore confusione ad un problema forse più semplice di quanto viene riferito. Cerco di spiegarlo descrivendo l’attività svolta dall’Ordine dei Medici della provincia di Latina che presiedo. Premetto che, entro la scadenza del 31 marzo 2015, i nostri iscritti che svolgevano attività di medici competenti, già iscritti nell’elenco nazionale e che desideravano continuare ad esercitare tale attività, ritenendo di essere in possesso dei requisiti richiesti ivi compreso il soddisfacimento dell’obbligo formativo nel triennio 2011 – 2013, poi esteso al 2014, lo hanno dichiarato mediante autocertificazione inviata al Ministero della Salute. Pertanto, il loro nominativo all’epoca non è stato depennato dall’elenco nazionale come invece è avvenuto per coloro che tale dichiarazione non hanno ritenuto di effettuare. Di recente, trascorso ormai più di un anno da tali dichiarazioni, il Ministero della Salute ha richiesto agli Ordini di verificare per i loro iscritti la veridicità di tale autodichiarazione (richiesta accertamenti d’ufficio ai sensi dell’art. 43 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 e ss.mm.ii.). Tale tipo di richiesta è sempre più frequente stante il frequente ricorso alla autocertificazione che, da una parte solleva l’interessato da un non indifferente peso burocratico, ma dall’altra aumenta di molto il lavoro degli Ordini per dare riscontro alle richieste di accertamento d’ufficio. Nel caso in questione, l’Ordine non ha fatto altro che procedere, per la verifica dei crediti formativi Ecm, a interrogare la banca dati CoGeAPS (un consorzio gestito da tutte le professioni sanitarie al quale il Ministero ha affidato il compito di conservare tutti i crediti ECM acquisiti dai professionisti della salute). Laddove l’iscritto è risultato il regola, il CoGeAPS permette di stampare il relativo attestato. Alcune discrepanze tra i dati registrati nel CoGeAPS e quelli posseduti dall’iscritto sono stati brillantemente risolti accedendo all’help desk del CoGeAPS gestito da personale preparato e gentilissimo. Per fortuna, i risultati dell’accertamento sono stati in questo caso positivi per tutti i nostri iscritti e di questo abbiamo dato riscontro all’Ufficio del Ministero richiedente trasmettendo copia di tutti gli attestati di avvenuto assolvimento dell’obbligo formativo triennio 2011 – 2013».

Giovanni Maria Righetti
Presidente Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Latina

Print Friendly
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Pubblicato in: Medici competenti in materia di lavoro, News
794 visualizzazioni

Lascia un commento

*